Blog: http://miocuggino.ilcannocchiale.it

diciannove agosto

"Sono tempi rock'n roll/ che si resta senza fiato"

Mano a mano che passa il tempo, che passa questo tempo, che passano questi anni, la vista interiore si appanna, il tuo tempo non corrisponde al tempo che battevi quando eri più piccolo, meno adulto, meno pressato, meno stressato.
Scrivi con più fatica, vivi con più apprensione.
E' tutto più grande, più pesante e ogni giorno c'è una paura diversa e distendere il rotolo dei pensieri è sempre più difficile.
Ma lo fai, lo fai e non certo perché devi.
Lo fai perché puoi, lo fai perché sai, lo fai perchè quello è il tuo modo, forse l'unico. E a pensarci bene, se una cosa funziona, che bisogno c'è di comprarne un'altra, magari più evoluta, magari più tecnologica, che bisogno c'è?
Ho corso come un matto, mi sono dedicato agli altri, sempre meno a me stesso. C'è stato un tempo in cui mi sono scordato di essere bello e di esserlo dentro, di essere un diamante che brilla di luce propria e che ogni tanto si dà agli altri.
Quando vuole, quando sente nei pugni la forza necessaria per poter sferrare un attacco, nel caso si venisse colpiti. Sono un'anima divisa in due, una parte egoista e una parte generosa.
E la bellezza che sento riavvicinarsi giorno dopo giorno, quella che mi è mancata in questo periodo è ancora lì.
E tu sei ancora capace di passare con disinvoltura da una parte all'altra delle tue attitudini.
Mi rimetto al centro, bravo come solo io so essere nello stare sia al centro che ai margini.

Pubblicato il 19/8/2011 alle 12.38 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web